A Taxi Driver di Jang Hun vince il Florence Korea Film Fest 2018

a taxi driver scena del film

A Taxi Driver di Jang Hun è il vincitore del 16esimo Florence Korea Film Fest. Questa la motivazione della giuria: “Per i perfetti meccanismi drammatici ed emotivi con cui mette in scena la presa di coscienza del protagonista e il suo inquadramento in un momento tragico della storia coreana, ma soprattutto per il modo in cui conferma il fondamentale valore informativo e rivelatore che l’arte cinematografica può e deve rappresentare”. Il premio è stato assegnato dalla giuria composta dal critico cinematografico Massimo Tria, Ciro Di Dato, direttore tecnico del FIPILI Horror Festival, Andreas Lotti, giornalista, Martina Agnoletti di Novaradio Città Futura e Marta Pancini, creatrice del blog Lulaida. A Taxi Driver si aggiudica inoltre l’Asiana Airlines Audience Award, ossia il premio del pubblico.

Che dire… quello che quest’anno è stato  il candidato della Corea del Sud nelle selezioni per l’Oscar al Miglior Film Straniero, è senza dubbio un grande film. E ne avevamo già parlato in occasione della sua proiezione al Torino Film Festival 2017.

Ri-leggi la recensione di A Taxi Driver

A Taxi Driver è una coraggiosa opera che indaga il passato recente coreano per capire meglio il presente e racconta la storia vera dell’amicizia nata tra un tassista coreano e un reporter tedesco coinvolti nelle rivolte studentesche di Gwangju, nella primavera del 1980. Per l’importanza dei temi trattati, il film ha ricevuto il plauso del Presidente della Corea del Sud Moon Jae-in. Protagonista del film è Kim Man-seob (l’attore Song Kang-ho), che si divide tra il suo lavoro di tassista e l’educazione della figlia, alla quale, da quando è rimasto vedovo, deve provvedere da solo. Un giorno, credendo di poter intascare una ricca mancia, fa salire sul suo taxi un reporter tedesco per accompagnarlo a Gwangju per filmare la protesta studentesca contro la dittatura perpetrata dal generale Chun Doo-hwan. Ma quella che si presentava inizialmente come una semplice corsa in taxi, diventerà presto per Kim Man-seob un’esperienza che gli cambierà tutta la vita.

Scopri altri film con protagonista Song Kang-ho

A vincere invece la sezione Independent Korea è stato Microhabitat di Jeon Go-woon. La motivazione: “Per lo stile delicato, ma già molto promettente con cui illustra in modo trasversale il microcosmo composito di speranze e avversità della Seoul contemporanea. E’ l’opera di un’autrice che merita di essere seguita con viva attenzione anche in futuro e che conferma la vitalità del cinema coreano indipendente”.

A Taxi Driver di Jang Hun vince il Florence Korea Film Fest 2018 ultima modifica: 2018-03-29T18:35:33+00:00 da Tommaso Tronconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.